• twitter
  • facebook
  • youtube
  • rss

I Partner

Associazione A.D.A.M.S.

L’Associazione Danza Arte Musica Spettacolo lavora dal 2008 per la diffusione dell’Arte Coreutica, della Musica e del Teatro attraverso la realizzazione di progetti e spettacoli.
In questo sforzo ci siamo avvalsi di grandi maestri e di grandi insegnamenti, che ci hanno trasferito non soltanto la tecnica e la disciplina indispensabili, ma soprattutto il loro amore e il loro entusiasmo per un “mestiere” in cui niente che non sia effimero viene regalato.

Presidente Maestro LINO VACCA
Nel 1950 entra a far parte della scuola di ballo del Teatro san Carlo sotto la direzione di Bianca Gallizia dove si diploma nel 1955. nel 1959 lascia il Teatro San Carlo vincendo il concorso presso il Teatro alla Scala di Milano dove rimane fino al 1961, per rientrare al teatro San Carlo come Primo ballerino étoile. Nel 1972 è Vicedirettore della compagnia del teatro San Carlo portando ai massimi splendori il “Ballo” dello stesso teatro. Fonda anche una sua comapgnia “Europa 92” le cui produzioni vedono protagonisti i massimi interpreti del panorama artistico-ballettisticodel momento, tra cui: Nurejev, Maximova, Vassiliev, Paganini. Partecipa come artista nelle produzioni del maestro Roberto De Simone come “Eleonora” al Teatro San Carlo, “Eden Teatro” all’inaugurazione del nuovo Teatro Tirianon a Napoli.

Operano nell’associazione ADAMS, rispettivamente per la sezione danza e la sezione musica del concorso del progetto Isolimpia, Alessandra Vacca coreografa e Lino Pariota musicista.

Associazione Domenico Scarlatti

L’Associazione Domenico Scarlatti fondata nel 1982 dal Maestro Enzo Amato, ha l’intento di diffondere la grande musica e la cultura della Scuola Musicale Napoletana del Settecento. Durante il suo lungo percorso, noti artisti e studiosi hanno attivamente e proficuamente collaborato alla realizzazione di numerosi progetti promossi dalla Associazione tra cui: Maria Luisa Anido, Maxence Larrieu, Sandro Cappelletto, Marcello Abbado.

Presidente ENZO AMATO
Enzo Amato ha studiato con alcuni tra i più importanti chitarristi contemporanei, tra cui Stefano Aruta, Marialuisa Anido, Leo Brouwer, nonché composizione con Argenzio Jorio e Franco Donatoni e direzione d’orchestra con Franco Caracciolo.
Ha riproposto per l’esecuzione diversi capolavori della scuola del Settecento napoletano, ed ha individuato un “plagio” mozartiano ai danni del musicista di scuola napoletana Pasquale Anfossi.
È presidente dell’Istituto internazionale “Domenico Scarlatti” (già Ente di rilevante interesse educativo e culturale per la Regione Campania, ex L.R. 49/85, Premio alla Cultura della Presidenza del Consiglio dei ministri 1998 per lo studio del Settecento musicale napoletano) ed ha presieduto nel 2007 il Comitato per le celebrazioni del 250º anniversario della morte di Domenico Scarlatti.
Dirige l’Orchestra da camera di Napoli, con la quale ha eseguito in prima mondiale la Messa solenne in re maggiore per soli, coro e orchestra ed il Requiem per soli, coro e orchestra di Niccolò Jommelli, oltre a sinfonie e concerti di Domenico Cimarosa, Pasquale Anfossi, Nicola Fiorenza, Antonio Sacchini, Niccolò Piccinni, Pietro Alessandro Guglielmi.

Il maestro Enzo Amato e l’Associazione Domenico Scarlatti hanno consentito di arricchire il programma di Isolimpia con la sezione classica del concorso musicale.

Associazione Neapolis Lab

Presidente VALENTINA MAZZOLA
L’Associazione socio-culturale NeaPolis Lab è un laboratorio sperimentale in continua crescita, che affronta meticolosamente problematiche territoriali e piaghe sociali storiche quanto contemporanee.
Nato nel 2008 come gruppo di ricerca spontaneo presso la Facoltà di Sociologia dell’Università degli studi di Napoli Federico II, il NeaPolis Lab si costituisce giuridicamente nell’anno 2010 come Associazione Culturale no-profit a Napoli, avvalendosi della collaborazione di sociologi, psicologi, giuristi, tecnici, professionisti e studiosi di molteplici discipline, nonchè membri dell’Osservatorio sulla Camorra e sull’Illegalità, fondato dal prof. Amato Lamberti.
Ricerche, studi, indagini e pubblicazioni del Social-Lab, non nascono per restare fini a se stessi, in un ampolloso dilemma teorico, bensì, compongono un sostrato fertile, propositivo e lungimirante, proiettato alla pianificazione ed applicazione di progetti a livello urbano e territoriale. Le attività no-profit dell’Associazione, si contraddistinguono per il faticoso e continuativo lavoro sul campo dei suoi membri e volontari, con il nobile obiettivo di restituire dignità, potere e libertà di espressione, ad un cittadino sempre più trascurato dalla governance di turno.
I membri del NeaPolis Lab, considerano un dovere morale e civile ascoltare le necessità e le problematiche del singolo, per poi circoscrivere, creare e proporre interventi di politica sociale. Il NeaPolis Lab è dunque un cantiere sociale di giovani menti, brulicante di idee innovative, per provare a migliorare dal basso e a piccoli passi, realtà territoriali afflitte da degrado e crisi sociali permanenti, partendo dalle periferie del territorio campano.

ICRA

L’ICRA Project nasce già nel 1994, durante un master di Pedagogia Teatrale a Parigi con Monika Pagneux, i due direttori artistici, Michele Monetta e Lina Salvatore, tracciano le prime linee portanti dell’ICRA Project.
La creazione di un Centro Internazionale di Ricerca sull’Attore che raccoglie, coordina e sviluppa attività nel campo del teatro, della musica, della pedagogia nell’arte drammatica e dei linguaggi multimediali, si concretizza poi nel 1999.
L’ICRA Project è riconosciuta dal Ministero per i Beni Culturali (art 16 a), dalla Regione Campania-Spettacolo (ex legge48/85) e gode del patrocinio delle cattedre di Storia del Teatro del DAMS di Bologna, dell’Università di Tor Vergata di Roma e dell’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio D’Amico” di Roma. 
In questi anni sono nate collaborazioni di particolare prestigio con artisti, docenti, enti pubblici e privati nonché università e accademie.
L’ICRA Project è presente in importanti rassegne nazionali e internazionali con i propri spettacoli e con l’attività pedagogica e di formazione, in particolare sui temi del Mimo Corporeo, la Commedia dell’Arte, la Maschera, l’Educazione del Corpo e del Movimento Scenico, proponendo un proprio sistema pedagogico che è il risultato, in continua evoluzione e trasformazione, del sincretismo di importanti e imprescindibili tecniche e metodi teatrali del XX secolo come il mimo corporeo astratto di Decroux, il metodo Feldenkrais, la mimica di Orazio Costa, il lavoro sul movimento e la maschera di Jacques Lecoq, nonché l’euritmia e la coordinazione corporea ispirate al lavoro di George Ivanovitch Gurdjieff e Rudolph Steiner.