• twitter
  • facebook
  • youtube
  • rss

Eventi Artistici 2014

cavea-arte

Se gli atleti e i loro agonoteti ad ogni Edizione contribuivano a richiamare a Neàpolis spettatori da ogni dove, divisi in vere e proprie vivaci tifoserie, la seconda parte dei Sebastà, non meno rilevante di quella sportiva, era costituita dalle competizioni artistiche, aspetto del tutto peculiare all’agone che si svolgeva a Neàpolis, cui parteciparono gli Imperatori Claudio, Nerone, Domiziano e poeti di fama come Stazio.

Anche in questo caso, Amartea ha inteso rimanere il più possibile fedele al modello originario, pur con le necessarie concessioni alla contemporaneità.

LA TEMATICA 2014: “NeapolisOverseas”

Il richiamo alla identità di Neàpolis attorno alla sua ascendenza greca ed alle sue mitiche origini connesse alla Sirena Partenope, divinità femminile legata al Mediterraneo ed alle sue sonorità, è stato il Leit Motiv della Prima Edizione, che ha così voluto restituire al capoluogo partenopeo la sua funzione di capitale mediterranea, porto di mare capace di accogliere nel suo sinus – allora come ora – migranti, artisti, atleti da ogni dove, assorbendone lingue, usanze e costumi, senza tuttavia mai perdere la propria originale impronta culturale, costituita anzi proprio da tale mai persa capacità di accogliere, assimilare, unificare la diversità.

La tematica, cui sia il concorso sia i concerti e gli eventi collaterali si sono ispirati, è stata quindi, per la passata Edizione, “Neapolis: identità di mille culture”, in naturale sintonia, fra l’altro, con il Forum delle Culture, che avrebbe dovuto proprio in quel periodo vedere la propria inaugurazione.

Il ragionamento allora condotto trova nella tematica prescelta per il 2014 la sua logica prosecuzione.

Se, difatti, il Mediterraneo ha costituito il bacino ed orizzonte marino entro cui Neàpolis ha visto le proprie origini storiche e mitologiche, nei cui flutti la omerica sirena Partenope si lasciò annegare, per poi accogliere nel golfo che da essa prese il nome i coraggiosi marinai dell’antichità, i quali solcavano i flutti in tempesta per fondare nuove colonie e diffondere così cultura e civiltà, l’umanità poi, varcate le Colonne d’Ercole, ha esteso i suoi orizzonti agli Oceani.

Il mondo divenne quindi più vasto e nuove terre vennero scoperte, ma identico rimase lo spirito di avventura e di scoperta che animò gli esploratori di età moderna a spingersi “Oltremare”, così come i migranti dei secoli scorsi, portando con sé tradizioni e costumi dei luoghi di origine, favorirono ancora una volta scambi e contaminazioni culturali.

“NeapolisOverseas”, dunque, associando in insolito connubio l’antico nome greco di Neàpolis e il termine anglosassone “Overseas” intende ripartire dallo stretto legame fra il capoluogo partenopeo ed il mare, che la rese capitale mediterranea in epoca antica e ponte tra culture in ogni tempo, per giungere nell’anno del Forum delle Culture, all’età contemporanea, quando l’orizzonte marittimo di Napoli, il suo porto brulicante di vite umane, esistenze, destini, si è esteso ai Paesi d’Oltremare, cui guardavano ieri le popolazioni italiane di migranti in cerca di fortuna ed a cui giungono oggi nuovi viaggiatori della speranza.

Ma l’idea di Overseas riconquista il proprio senso letterale e diviene aspirazione al viaggio, all’esplorazione, alla scoperta “sopra” i mari e gli oceani, ma anche ricerca “oltre” gli spazi marini, attraverso il tempo, negli abissi del sé o nelle vastità dell’altro che in tale tragitto incontriamo, così diverso, così uguale.

Così Neàpolis riapproda a se stessa, recupera memorie, identità, narrazioni, sonorità, immagini, odori salmastri di porto incessante di vita, ma salpa poi verso nuove mete, riallacciando dialoghi mai sopiti e relazioni mai interrotte, illuminate dal passato, ma proiettate al futuro.

Le Discipline Artistiche

Possono partecipare alle competizioni artistiche artisti dilettanti, singoli o in gruppo, in età scolare dai dodici ai diciannove anni, di sesso maschile o femminile, per la Categoria Scuole; artisti senza limiti di età per la Categoria Cultori.

Per entrambe le categorie viene pubblicato un bando ed un Regolamento di partecipazione. Gli artisti dovranno eseguire Performance originali (eccetto che per la Musica Esatta), che dovranno attenersi alla Tematica prescelta per l’Edizione in questione (per le scuole, per questa Edizione, sono ammesse deroghe). Le loro esecuzioni saranno valutate da una Giuria di Qualità e da una Giuria giovani.

Premio Isolimpia Categoria Scuole

Isolimpia è un evento a cadenza biennale, ma in concomitanza del Bimillenario della morte di Augusto, fondatore dei Giochi, è stata indetta una Edizione straordinaria celebrativa nel 2014.

Pertanto, Il Concorso è stato suddiviso in fasi e la adesione alla Edizione 2014, come meglio specificato nel Regolamento, sarà considerata propedeutica per la partecipazione alla Edizione 2015.

In particolare, a Settembre 2014 saranno selezionate scuole a livello della Regione Campania, mentre le selezioni nazionali ed europee avverranno successivamente, attraverso il web.

Il Bando (Termini scaduti)

Il Concorso è aperto a tutte le Scuole Secondarie di I e II grado. I giovani artisti appartenenti alle Scuole potranno iscriversi e partecipare per una o più delle Sezioni:

• TEATRO
• DANZA
• MUSICA
• LETTERATURA (prosa e poesia)
• ARTI FIGURATIVE
• GRAPHICS E MULTIMEDIA

Scarica il bando
Compila la Scheda d’iscrizione

Le Scuole potranno partecipare anche con mostre fotografiche, video, elaborati grafici, scritti ed altro.

Le Scuole, fuori concorso, potranno anche contribuire ad arricchire il panorama di eventi collaterali di Isolimpia, presentando loro prodotti ed elaborati, quali mostre fotografiche, workshop o altro, aderenti ai temi ed alle caratteristiche della Manifestazione.

Per dettagli, guarda lo slideshow che segue:

Passa il mouse sopra per fermare l’animazione, oppure scarica in formato PDF.

Materiali Concorso Scuole – Clicca qui per l’upload

Esito selezioni

Hanno aderito al concorso e parteciperanno le seguenti scuole:

PERFORMANCE DI TEATRO, MUSICA, DANZA, SCRITTURA A CURA DI:

Liceo Scientifico Statale “Tito Lucrezio Caro”
Liceo “Comenio”
Convitto Nazionale “Vittorio Emanuele II”
Istituto Tecnico Industriale “L.Da Vinci”
I.I.S “Della Corte – Vanvitelli” di Cava dei Tirreni
Istituto Statale Istruzione Superiore ”Europa”
Liceo Ginnasio Statale “Giuseppe Garibaldi”
Istituto Tecnico Industriale Statale ”Giordani – Striano”
Liceo Statale ”A.Genovesi”
Liceo Artistico e Scientifico “Ettore Majorana”
Liceo Statale “G.Mazzini”
Liceo Statale “Pitagora – B.Croce”
Liceo Ginnasio Statale “Sannazaro”
Istituto Istruzione Superiore “Margherita di Savoia”
Liceo Ginnasio Statale “Vittorio Emanuele II”

MOSTRE DI ARTI FIGURATIVE, GRAFICA & MULTIMEDIA A CURA DI:

Istituto Istruzione Superiore di” Aversa”
Liceo Artistico Statale “Boccioni-Palizzi”
I.S.I.S. “Alfonso Casanova”
Istituto Tecnico Industriale “L.Da Vinci”
I.I.S “Della Corte – Vanvitelli” di Cava dei Tirreni
Istituto Statale Istruzione Superiore ”Europa”
Istituto Tecnico Industriale Statale ”Giordani – Striano”
Liceo Artistico e Scientifico “Ettore Majorana”
Liceo Statale “G.Mazzini”
Istituto Tecnico Industriale Statale “Augusto Righi”
Liceo Ginnasio Statale “Giambattista Vico”

Tali elaborati saranno esposti nelle Sale del Padiglione 10 presso la Mostra d’Oltremare.

Saranno inoltre presenti fuori concorso:

ISISS ”N.Stefanelli” di Mondragone

N.B. Eventuali ulteriori partecipazioni (elaborati, mostre, foto, ecc.) fuori concorso saranno ammesse fino al 05/09/2014

Per il Dettaglio sulle Sezioni cui partecipare, scarica il file


Parteciperanno inoltre alle diverse Esibizioni sportive i Licei Sportivi della Regione Campania.

ESIBIZIONI SPORTIVE

Convitto Nazionale “Vittorio Emanuele II” (NA)
IIS “Pitagora” di Torre Annunziata (NA)
Istituto “E.Fermi” di Sturno (AV)
Liceo “Rummo” di Benevento (BN)
Liceo “Jommelli” di Aversa (CE)
Liceo Scientifico “Sensale” di Nocera Inferiore (SA)

Premio Isolimpia Categoria Cultori

Appartengono a questa categoria tutti gli artisti, di qualsiasi età, che fanno parte di scuole o di compagnie autonome non professionistiche di musica, teatro e danza. Rientrano inoltre i giovani universitari e gli allievi delle Accademie, nazionali ed internazionali.

Gli artisti cultori potranno iscriversi, direttamente o attraverso le scuole o accademie di appartenenza, e partecipare alle Sezioni:

• Teatro
• Danza
• Musica (classica e contemporanea)

Considerata la prevista cadenza biennale di Isolimpia, per questa Edizione straordinaria celebrativa 2014 per il Bimillenario di Augusto, NON è stato indetto il Concorso Categoria Cultori, che si svolgerà regolarmente nella prossima Edizione 2015.

In particolare, da Ottobre 2014 saranno aperte le Selezioni nazionali ed europee, che avverranno attraverso il web.

Peraltro, sono state coinvolte numerose Scuole e Compagnie a livello regionale, che, partecipando con performance fuori concorso in questa Edizione, saranno ammesse di diritto a partecipare alla Edizione 2015.

Durante la Manifestazione, sarà quindi possibile assistere ad esibizioni, laboratori e competizioni di:

Teatro

Roman_masks
Le due maschere, tragica e comica, del teatro greco e latino. Mosaico di età augustea, I sec. a.C. (Musei Capitolini)

Il teatro costituisce sicuramente la massima espressione della grecità, visto che esso nacque attorno al V secolo a.C., ad Atene, dove venivano organizzati, in alcuni giorni dell’anno ed in occasione di feste sacre, grandi manifestazioni in cui gli autori teatrali dell’epoca gareggiavano per conquistare la vittoria, decisa da una giuria. Il teatro rivestiva per i Greci un forte valore educativo e catartico, al punto che ad Atene ai meno abbienti che non potevano pagarsi il biglietto, veniva fornito una tessera per accedervi gratuitamente.

Al teatro sarà dedicata una intera giornata di performance dal vivo, a cura di diverse compagnie teatrali.

Tali compagnie parteciperanno di diritto al Concorso che sarà indetto per la prossima Edizione 2015, senza ulteriori selezioni.

IL PROGRAMMA È IN VIA DI ULTIMAZIONE

Musica popolare contemporanea

musica-1musica-2

Diversamente da altre arti, la musica greca fu quasi interamente importata da altre culture, quali la frigia e la lidia. […] La gran parte degli strumenti della cultura musicale ellenica sono d’una semplicità sorprendente..” (da Sachs Curt, Storia degli strumenti musicali, Milano, Mondadori, 1996). I piu’ comuni erano la lira o cetra e l’aulos; erano in uso anche strumenti a percussione tra cui i tamburi e i cimbali,o piatti.
Tuttavia, la Grecia seppe rielaborare tali modelli in modo assolutamente originale, sino a rendere la musica, più che un’arte, un sistema unitario, connesso a poesia, danza, medicina, pratiche magiche, nonché alla matematica ed al movimento degli astri.
Come noto, il ritmo musicale si basava sulla metrica poetica, di tipo quantitativo, ed un sistema basato sul tetracordo, quattro suoni discendenti compresi in un intervallo di quarta giusta.

Strumenti semplici, a corda o a percussione, e ritmo incalzante fanno parte ancor oggi della musica popolare.

Bernstein indica come “musica popolare” o “popolare contemporanea” tutta la musica che non rientra nella definizione di “musica esatta”, in quanto può essere manipolata a piacimento e/o improvvisata senza perdere le proprie caratteristiche essenziali.

Le performance musicali saranno affidate quest’anno alle aziende che producono o commercializzano strumenti musicali, alle scuole di musica, alle etichette discografiche ed alle radio emittenti.

Ogni sera, da giovedì a sabato, saranno ospiti del palco allestito nel Padiglione 10 artisti, solisti e gruppi, espressione di diversi stili musicali, che daranno risalto, di volta in volta, ad una categoria di strumenti (percussioni, fiati, tastiere, strumenti a corda).

IL PROGRAMMA È IN VIA DI ULTIMAZIONE

Musica esatta

“Musica Esatta” è una definizione coniata dal grande musicista e direttore d’orchestra Leonard Bernstein che distingue la musica cosiddetta colta, da quella popolare Secondo Bernstein, è esatta tutta la musica scritta da un determinato autore e che quindi va eseguita “esattamente” così come è prescritta in qualsiasi epoca.

Adeguato spazio sarà dato anche ad esecutori e compositori di musica classica.

IL PROGRAMMA È IN VIA DI ULTIMAZIONE

Danza

danza-1danza-2

Per i Greci la danza costituiva una sorta di unità lirica, assieme a musica e poesia, in linea col supremo ideale di armonia, inteso come equilibrio permanente di spirito e corpo. La danza presiedeva sempre le cerimonie di culto e faceva parte della ginnastica e degli esercizi militari. In base al contenuto delle varie danze, di impostazione divina o di finalizzazione ginnico-militare ,la danza veniva definita orchestica o palestrica. Le modalità ricalcano noti schemi afro-asiatici: danze mascherate e imitative, eseguite in circolo, in coppia, in processione o su fronti contrapposti maschi/femmine.
Presente in innumerevoli feste, la danza non mancava nei Giochi Panellenici, precursori di quelli Olimpici.

Anche alla danza sarà riservato un giorno di esibizioni a cura di diverse scuole di danza, che realizzeranno uno splendido spettacolo di molteplici stili coreutici, che si svolgerà sul vasto palcoscenico del Teatro mediterraneo.

Tali scuole e compagnie parteciperanno di diritto al Concorso che sarà indetto per la prossima Edizione 2015, senza ulteriori selezioni.

Inoltre, nel Padiglione 10, tutti i giorni si svolgeranno esibizioni e dimostrazioni di danza sportiva e fitness musicale, il cui programma viene però riportato negli Eventi sportivi.

IL PROGRAMMA È IN VIA DI ULTIMAZIONE