• twitter
  • facebook
  • youtube
  • rss

Eventi Artistici

cavea-arte

Le Discipline Artistiche

Per gli eventi artistici della manifestazione sono state selezionate le seguenti discipline, suddivise per generi e rivolte a due categorie: Professionisti senza limiti di età e Scuole secondarie di primo e secondo grado.

Premio Isolimpia Categoria Scuole

Hanno aderito al concorso e parteciperanno le seguenti scuole:

PERFORMANCE DI TEATRO-MUSICA-DANZA A CURA DI:

Convitto Nazionale V. Emanuele
Liceo T. Lucrezio Caro
I.S.I.S. Margherita di Savoia
I.S.I.S. G. Mazzini
Liceo Sannazaro
Liceo Sbordone
Liceo Vittorio Emanuele
Et al.

MOSTRE DI ELABORATI GRAFICI, VIDEO, E FOTO A CURA DI:

S. Orsola Benincasa (Medie e Superiori)
Sms Giacinto Gigante

Tali elaborati saranno esposti nell’area del campo sportivo antistante gli spogliatoi insieme a:

Mostra fotografica “Napoli: città dalle mille culture”
Terza Edizione del Premio Parthenope Giovani Talenti per la Città: a cura del Rotary Club Napoli Posillipo

Mostra fotografica “Neapolis oggi”
promossa da Marino Maiorino, Fisico e scrittore del romanzo storico sulla Napoli greca
Neapolis. Il richiamo della sirena, Soc. Ed. La Torre

DIGITAL DIARY DELL’EVENTO A CURA DI:

ITI F. Giordani, Liceo Sbordone, Liceo Sannazaro

REPORTAGE VIDEO DELL’EVENTO A CURA DI:

Marano Ragazzi Spot Festival

logo-MRSF----

Premio Isolimpia Categoria Professionisti

Nello spettacolo inaugurale e nei tre giorni di gare artistiche, sarà quindi possibile assistere ad esibizioni e competizioni di:

Teatro

Roman_masks
Le due maschere, tragica e comica, del teatro greco e latino. Mosaico di età augustea, I sec. a.C. (Musei Capitolini)

Il teatro costituisce sicuramente la massima espressione della grecità, visto che esso nacque attorno al V secolo a.C., ad Atene, dove venivano organizzati, in alcuni giorni dell’anno ed in occasione di feste sacre, grandi manifestazioni in cui gli autori teatrali dell’epoca gareggiavano per conquistare la vittoria, decisa da una giuria. Il teatro rivestiva per i Greci un forte valore educativo e catartico, al punto che ad Atene ai meno abbienti che non potevano pagarsi il biglietto, veniva fornito una tessera per accedervi gratuitamente.

Secondo lo spirito originario greco, che gli Isolimpia rinnovavano in età imperiale, la Sezione teatro del concorso vedrà confrontarsi dal vivo diverse compagnie teatrali, invitate a presentare brevi piéces originali sulla tematica prescelta per questa prima Edizione, ossia “Neapolis, identità di mille culture”.

La libertà interpretativa cui tale tematica si presta e che è stata incoraggiata nel bando concorsuale, consentirà di assistere a rappresentazioni molto diverse per contenuto e stile performativo.

La giuria della Sezione teatro sarà composta da Michele Monetta e Lina Salvatore della nota Scuola ICRA Project.

Gli artisti selezionati per il Premio Isolimpia 2013 sono:

Amanar Project

Amanar nasce a luglio 2012 quando presenta la performance Le Jardin d’Orient nell’ambito di Volti e Voci dal Sud, una manifestazione che promuove il confronto multiculturale tra Napoli e Marocco organizzata dalle associazioni “Nova Koinè”, “Casa delle Genti”, “DI.VO” (nell’ambito del programma CVM Fondazione per il Sud) a Marigliano (NA).
Il gruppo ha come obbiettivo la narrazione di storie e passaggi mediterranei, attraverso il teatro, la danza medio-orientale, la pittura e la musica.

Responsabile artistico:
Vanna Piacente Denies

Partecipanti:
Vanna Piacente Denies (Teatro/Danza)
Daniela Allocca (Teatro/Poesia)
Carla Merone (costumi e scenografia)


Associazione Erinni

Erinni è un’associazione culturale nata nel 2012 dall’incontro tra Federica Castellano e Victoria de Compora, due artiste napoletane operanti sul territorio campano, entrambe provenienti da una formazione di teatro del corpo, drammaturgia e regia che decidono di indagare e sperimentare differenti ambiti delle arti performative e drammatiche rivolgendo sempre l’attenzione al ruolo educativo dell’Arte.
L’obiettivo principale dell’associazione è l’indagine, attraverso la cultura, di quelle realtà che si vedono mutilate del loro diritto di parola e intende promuovere il diritto di ciascun individuo di espressione personale, di conseguenza la tutela dei diritti umani e civili.

Partecipanti:
Federica Castellano
Massimiliano Maurino


Tullia Conte

Regista teatrale, attrice e performer, è impegnata da anni nello studio delle danze popolari secondo una prospettiva di antropologia teatrale. Ricerca una prospettiva drammaturgica nuova nel legame tra il teatro e la danza popolare italiana. Attualmente vive a Parigi, dove ha fondato suDanzare, progetto di promozione della danza e della cultura popolare dell’Italia del sud, dirige altresì la Compagnia omonima di Teatro e Danze Rituali, la prima compagnia in Francia a proporre spettacoli nati dalla fusione tra teatro e danze tradizionali italiane.


Favola @ cioccolata

ll gruppo a composizione variabile nasce nel 2010 nel centro storico di Napoli.i La compagnia “giocando” con l’immaginazione, vuole creare un punto di contatto tra il mondo degli adulti e quello dei più piccoli. La narrazione di un racconto rappresenta lo spunto per far volare la fantasia. L’impegno è quello di coinvolgere e creare con semplicità e professionalità. Attori, musicisti e danzatori professionisti e a volte i bambini stessi si uniscono al gioco dando vita al RACCONTO.
Caratteristica degli spettacoli è la musicalità del testo, accompagnata dal movimento e dall’utilizzo “attivo” della scenografia. Pochi elementi scenografici dotati di forte presenza partecipano attivamente alla narrazione. La musica è sempre presente ed è usata come sottofondo o spunto. La compagnia favola@cioccolato nello spettacolo presentato per Isolimpia 2013 “Rosso rossetto – passione attiva” continua a sperimentare fondendo teatro musica e gioco e rivolgendo la sua attenzione ad un pubblico senza età.

Resposabile Artistico:
Antonella Esposito

Partecipanti:
Antonella Esposito
Luigi Tirino
Patrizia Iorio
Giulia Vivenzo
Daniela Aracri


I Narratori Erranti

Il gruppo nasce dalla collaborazione di tre giovani artisti che, avendo avuto modo di lavorare insieme agli spettacoli “Chimera, La favola di Amore e Psiche negli occhi di Dino Campana” eseguito presso il Tunnel Borbonico e “Sogno di una notte d’estate”, per la direzione artistica di Gianmarco Cesario in scena al teatro “Il Primo”, hanno deciso di unire i loro talenti e le loro singole attitudini per dare vita ad una serie di pièces teatrali riguardante alcuni tra i più suggestivi miti greci e latini.
Il gruppo si avvale, inoltre, delle competenze musicali dei suoi componenti, unendo alla passione per il teatro, la bellezza del canto, la dolcezza del flauto traverso, l’incanto dell’arpa e il ritmo delle percussioni. Per il Premio Isolimpia 2013 i Narratori Erranti racconteranno la favola di Orfeo ed Euridice.

Responsabile artistico:
Livia Bertè

Partecipanti:
Livia Berté (canto e flauto traverso)
Valerio Gargiulo (canto e arpa)
Alessandro Marano (canto e percussioni)


I Naviganti

I Naviganti si costituiscono ad hoc per Isolimpia 2013 dall’incontro tra Antonia Baiano, Emiliana Bassolino, Piera Pugliese. Artiste provenienti da formazioni diverse, accomunate dall’interesse per una ricerca antropologica in particolare attraverso i codici della danza, e del teatro fisico, focalizzano la loro attenzione all’ espressione corporea e vocale, sospinte dalla musica quale elemento ancestrale che li attraversa e domina. Queste le componenti che rivelano una contaminazione tra culture diverse, di provenienza afro, latinoamerica e mediterranea.

Regia:
Antonia Baiano
Drammaturgia:
Antonia Baiano, Antonio Gargiulo

Partecipanti:
Edson Mafra
Paolo Velardi
Emiliana Bassolino
Antonia Baiano
Sara Scarfato
Francesca Morgante
Piera Pugliese
Fabrizio Carella
Francesco De Sica
Marli Mondego
Laura Monaco
Antonio Gargiulo


Invasione degli angeli

L’invasione degli angeli è un progetto finalizzato alla promozione di giovani artisti realizzato nell’ambito di creatività giovanile, promosso e sostenuto dal Dipartimento della Gioventù – Presidenza del Consiglio dei Ministri e dall’ANCI – Associazione Nazionale Comuni Italiani.

Responsabile artistico:
Gigi Di Luca
Titolo dell’intervento teatrale:
“A SUD”

Attori:
Angela Rosa D’Auria
Roberto Della Capa
Gabriele Palumbo
Veronica Bottigliero
Alessandro D’Auria
Marika Costabile

Danzatrici:
Olimpia Panariello
Emiliana Sparavigna
Orsola Rosa Matino
Alessandra Monaco
Maria Luisa Manzo


Sigma Sofia

Direttore artistico nazionale e internazionale della ∑igma-Art®. Consegue il Diploma quale Maieuta di Sigmasofia Io-somatica indirizzo -∑igma-art- presso l’I.S.U. International Sigmasophy University. Utilizza le sue tecniche artistiche a favore di soggetti socialmente svantaggiati, extracomunitari e diversamente abili. Realizza numerose iniziative in Ospedali pediatrici, in case famiglia, in carceri, piazze, nelle scuole. Dalla sua esperienza nascono I Giullari Autopoietici (ricercatori in formazione in ∑igma-art che offrono la loro attitudine al giullarismo, alla risata, alla clowneria, all’abilità circense, alla solidarietà e al volontariato senza ritorno: ovunque!). Con i giullari utilizza il canto, il suono, la danza, la musica, tutte le abilità dell’artista di strada, inglobando tutti questi elementi nel gioco libero, spontaneo, intuitivo.

Partecipanti:
Alessandro Ferrara
Alessandro Sorace


Il Teatro degli Assurdi

Nato nel 2009, il gruppo di artisti richiama chiaramente il “Teatro dell’Assurdo” di Beckett e Ionesco. La scelta del nome, ben ponderata, deriva dal bisogno di ricercare una forma teatro che guardi oltre le tradizioni regionali, pur non snobbandole, e di approfondire lo studio della disciplina teatrale sempre con più curiosità e voglia di guardare “oltre il muro”. Nel 2010 nasce un laboratorio sperimentale con sede a San Giovanni a Teduccio, ufficializzato nel 2012 diventando associazione a tutti gli effetti. Punto di riferimento per i giovani della zona, il Teatro degli Assurdi aspira a sposare la ludicità del teatro e il fine educativo, sempre stimolando, valorizzando attitudini personali, incoraggiando la crescita didattica e morale.

Patecipanti:
Fabio Orbitello
Gianni Martone
Umberto Aprea
Daniela di Fraia
Imma Natullo
Imma Amoroso


Teatro di Legno

La compagnia nasce nel 2003 dalla volontà di Luigi Imperato e Silvana Pirone. Ai due fondatori si aggiungono nel tempo attori e collaboratori provenienti da esperienze diverse che vanno dal teatro di prosa al mimo corporeo e al teatro di strada. Dopo i primi progetti, che occupano spazi per lo più non teatrali, la compagnia si dedica a lavori di prosa con drammaturgia originale che tentano di unire la tradizione del teatro con la ricerca di un percorso individuale arricchito dagli stimoli del contemporaneo.

Responsabile artistico:
Silvana Pirone

Partecipanti:
Fabiana Fazio (attore)
Domenico Santo (attore)
Salvatore Veneruso (attore)
Silvana Pirone (regia e drammaturgia)
Luigi Imperato (drammaturgia)


Musica popolare contemporanea

musica-1musica-2

Diversamente da altre arti, la musica greca fu quasi interamente importata da altre culture, quali la frigia e la lidia. […] La gran parte degli strumenti della cultura musicale ellenica sono d’una semplicità sorprendente..” (da Sachs Curt, Storia degli strumenti musicali, Milano, Mondadori, 1996). I piu’ comuni erano la lira o cetra e l’aulos; erano in uso anche strumenti a percussione tra cui i tamburi e i cimbali,o piatti.
Tuttavia, la Grecia seppe rielaborare tali modelli in modo assolutamente originale, sino a rendere la musica, più che un’arte, un sistema unitario, connesso a poesia, danza, medicina, pratiche magiche, nonché alla matematica ed al movimento degli astri.
Come noto, il ritmo musicale si basava sulla metrica poetica, di tipo quantitativo, ed un sistema basato sul tetracordo, quattro suoni discendenti compresi in un intervallo di quarta giusta.

Strumenti semplici, a corda o a percussione, e ritmo incalzante fanno parte ancor oggi della musica popolare.

Bernstein indica come “musica popolare” o “popolare contemporanea” tutta la musica che non rientra nella definizione di “musica esatta”, in quanto può essere manipolata a piacimento e/o improvvisata senza perdere le proprie caratteristiche essenziali.

Sono stati selezionati per il Premio Isolimpia 2013 i seguenti artisti e gruppi, di esperienza, gusti e generi molti diversi fra loro:

Aizamm a voce

Il gruppo nasce a Napoli nella primavera del 2003 dalla comune passione dei componenti per la musica popolare del mondo in generale e del Meridione d’Italia in particolare, pur provenendo ognuno da esperienze musicali completamente diverse, dalla classica, al blues, al funky. Il gruppo studia a fondo la tradizione musicale del Sud, recuperando brani della tradizione orale di alcuni paesi della Basilicata e Campania e riarrangiandoli completamente. Una delle caratteristiche peculiari del gruppo è la presenza di una forte componente teatrale che ha portato nella primavera del 2006 ad una formula di spettacolo misto con teatro, poesia e musica.

Partecipanti:
Domenico Olivieri
Sara Volpe
Luigi Mannini
Michele Vitolini
Piera Milione
Pasquale Vazza
Marco Bevilacqua
Giovanni Lacasa
Alberto Ragucci
Valeria Ferrara


An Arperc’

L’ensemble nasce nel 2004 con l’intento di ridonare all’arpa quel compito di strumento popolare che negli ultimi secoli aveva perso. Il gruppo partendo dalla musica tradizionale irlandese, ha effettuato un viaggio attraverso le tradizioni popolari di numerosi paesi, passando dal tango argentino alle serenate messicane, da saltarelli medioevali a melodie paraguaiane, fino ad arrivare alla tradizione partenopea.

Partecipanti:
Adriana Cioffi (arpa)
Antonella Labriola (arpa)
Gianluca Rovinello (arpa, oud, armoniche)
Pasquale Benincasa (percussioni)


Bia and the Cloudy Days

Bia and the Cloudy Days è un progetto indipendente nato a Napoli pur guardando ad un panorama europeo, sia per l’ispirazione malinconica che accarezza paesaggi ed ambientazioni quasi nordici sia per la scelta linguistica dei brani, alcuni cantati in inglese. Un gruppo spettrale, che abbandona i luoghi mediterranei da cui prende le origini e si fa alieno senza casa né patria. Notevole l’espressività ipnotica della voce di Bia, stimolante l’accompagnamento già sapiente di un gruppo formato da elementi giovanissimi.

Partecipanti:
Fabiana “Bia” Manfredi (voce)
Andrea “Drugo” Vatiero (Tastiere e Synth)
Flavio “Flap” Pezzullo (Basso)
Fabrizio “Moki” Moscatello (Chitarre)
Mauro Caso (Batteria)


Tonia Cestari

Una cantautorialità tutta al femminile per questa giovane chitarrista dalla voce dolce e convincente. Tanta grinta e voglia di evolversi nei suoi testi che approdano ad una delicata visione del reale in una dimensione intima ed interiore, senza rinunciare a tenere gli occhi bene aperti sul panorama sociale e culturale circostante.


Ciompi e Decky

Giovanissimo gruppo di rapper napoletani. Una creatività in erba che si dipana sul web attraverso la creazione di elaborati audio e video da condividere, manifesto vero e proprio delle nuove generazioni. I loro brani, d’ispirazione hip hop, danno voce ai pensieri e alle preoccupazioni dei giovanissimi, facendo della lingua italiana lo strumento di esplorazione di un mondo in cui si fa capolino.

Partecipanti:
Gian Paolo Nicolini
Marco Leone de Castris


Enzo Colursi

Cantautore napoletano. Giovanissimo inizia studiare pianoforte e a 17 anni, da sempre affascinato dal mondo della canzone d’autore compone le sue prime canzoni in italiano e in napoletano. Si esibisce in giro tra i locali di Napoli promuovendo sempre, oltre alle sue canzoni, la vecchia tradizione dei Cantautori italiani. Nei testi delle sue canzoni la realtà, talvolta drammatica, viene filtrata attraverso uno scanzonato velo di ironia che trova nel ritmo della musica il giusto contraltare.

Partecipanti:
Enzo Colursi (Voce)
Lorenzo Maggio (Piano)
Dario Di Pietro (Chitarra acustica)
Maurizio Piscopo (Percussioni)


Antonio Manco

Giovane cantautore di matrice rock: chitarra, voce e autore dell’omonimo progetto rock- cantautoriale. Esordisce da giovanissimo in gruppo ma ben presto decide di dedicarsi alla carriera solistica. Nelle sonorità spiccatamente italiane delle sue canzoni emergono temi di denuncia, la critica alla società di massa e ai fenomeni di spersonalizzazione da essa indotti, la critica alla povertà e banalità dell’informazione e a una società dello spettacolo che sembra non lasciare spazio all’originalità.

Partecipanti:
Antonio Manco (voce e chitarra)
Dario Di Pietro (cori e chitarra)
Lorenzo Manna (batteria)
Roberto Russo (tastiere)
Giacomo Pirozzi (basso)


OverdubSystem

Progetto musicale nato ad Officina 99 c.s.o.a. di Napoli (Italia) insieme al Festival delle Arti Elettroniche X-Bass. “Overdub” oltre a indicarne il genere musicale (dub / dub elettronico / dubstep / dub sperimentale) significa anche ” registrare sopra…” un modo di suonare attraverso effetti, filtri e tecniche di overdubbing. La musica, suonata e prodotta estemporaneamente dai tre musicisti, partirà da sonorità dub per arrivare a collimare con molti generi musicali, tra cui la musica popolare, avvicinandoli a sonorità spiccatamente elettroniche.

Partecipanti:
R-TRON (e-producer)
FERDYRANDO-M (tecnico audio, e-producer)
LI.SET (dj-set, live-set, e-producer)


Stalk Show

O “Il Teatro della molestia”, dove il parlar mare diventa spettacolare. Il gruppo di nuova formazione si ispira a sonorità electro-rock non perdendo mai d’occhio il nuovo pop d’autore italiano. Il sound brillante, inquieto, che non teme di diventare a tratti impertinente, muove alla ricerca di un’orecchiabilità che talvolta si frantuma in meno rassicuranti scenari armonici. La parola si dispone spesso in rima dando vita a paradossali filastrocche che raccontano storie d’amore, di odio, di routine, diventando emblema generazionale.

Partecipanti:
Lorenzo Campese (voce)
Martina D’Angelo (voce)
Valerio Middione (chitarra elettrica, tastiera, loop station)
Marco De Simone (chitarra elettrica)
Davide Iovino (basso elettrico)
Maurizio Piscopo (batteria)


Andrea Tartaglia

Cantautore napoletano, o meglio, flegreo d’origine, ma poliglotta nell’anima. Nel maggio 2011 riunisce intorno a se altri giovani musicisti in un progetto che mescola le note della sua chitarra da cantautore al rap. Nella sua musica l’importanza attribuita al testo poetico, rigorosamente in napoletano, trova una giusta eco nella ricerca di sonorità contemporanee con incursioni nella musica tradizionale. Affronta tematiche d’attualità e di denuncia non rinunciando, talvolta, a uno sguardo ironico sugli eventi.

Partecipanti:
Andrea Tartaglia (voce e chitarra)
Paolo Cotrone (chitarraacustica)
Salvio La Rocca (percussioni)


Musica esatta

“Musica Esatta” è una definizione coniata dal grande musicista e direttore d’orchestra Leonard Bernstein che distingue la musica cosiddetta colta, da quella popolare Secondo Bernstein, è esatta tutta la musica scritta da un determinato autore e che quindi va eseguita “esattamente” così come è prescritta in qualsiasi epoca.

Danza

danza-1danza-2

Per i Greci la danza costituiva una sorta di unità lirica, assieme a musica e poesia, in linea col supremo ideale di armonia, inteso come equilibrio permanente di spirito e corpo. La danza presiedeva sempre le cerimonie di culto e faceva parte della ginnastica e degli esercizi militari. In base al contenuto delle varie danze, di impostazione divina o di finalizzazione ginnico-militare ,la danza veniva definita orchestica o palestrica. Le modalità ricalcano noti schemi afro-asiatici: danze mascherate e imitative, eseguite in circolo, in coppia, in processione o su fronti contrapposti maschi/femmine.
Presente in innumerevoli feste, la danza non mancava nei Giochi Panellenici, precursori di quelli Olimpici.

Come evidenziato nella Sezione Eventi Sportivi, le danze ospitate negli Isolimpia erano sovente di tipo acrobatico. Pertanto, per la straordinaria adesione delle società afferenti alla Federazione Danza Sportiva, la Sezione Danza è stata considerata fuori concorso.

A breve verrà pubblicato l’elenco delle Scuole di Danza Sportiva che si esibiranno sul palco del Belvedere.

Elaborati grafici, video, foto

Unitamente agli elaborati pervenutici da parte delle scuole in relazione al Bando Premio Isolimpia Categoria Scuole, Amartea, per promuovere una positiva convergenza di tutte le sane forze intellettuali di Napoli per favorire la rinascita culturale della città, ha deciso di ospitare due mostre il cui tema è risultato molto aderente a quello proposto per questa Edizione di Isolimpia, ovvero Neapolis, identità di mille culture.

Nell’area del campo sportivo antistante gli spogliatoi saranno pertanto visitabili le seguenti mostre fotografiche:

Mostra fotografica “Napoli: città dalle mille culture”
Terza Edizione del Premio Parthenope Giovani Talenti per la Città a cura del Rotary Club Napoli Posillipo

Mostra fotografica “Neapolis oggi”
promossa da Marino Maiorino, fisico e scrittore del romanzo storico sulla Napoli greca Neapolis. Il richiamo della sirena, Soc. Ed. La Torre

Scarica il bando
Compila la Scheda d’iscrizione

Le Scuole potranno partecipare anche con mostre fotografiche, video, elaborati grafici, scritti ed altro.

Scarica il Programma